John C. Maxwell è il più riconosciuto esperto mondiale in tema di Leadership. Prima pastore evangelico, poi imprenditore, poi fondatore di enti e organizzazioni quali INJOY, Maximum Impact, The John Maxwell Team, ISS and EQUIP. EQUIP è un’organizzazione mondiale che si dedica allo sviluppo di numerosi leader in più di 80 Paesi.

Nel suo capolavoro “I 5 Livelli della Leadership” egli spiega che il Primo LivelloLa Posizione, non è (come molti leader purtroppo pensano) il punto di arrivo, ma il punto di partenza di quel cammino dinamico che è la Leadership. Al Primo Livello arrivano tutti i Leader Posizionali: ci possono arrivare perché sono figli dell’imprenditore che ha fondato l’azienda, perché l’hanno fondata loro stessi, perché se lo sono meritato a suon di risultati. Il punto non è per quale ragione essi hanno conquistato il Primo Livello: ok, complimenti, c’è una targhetta fuori dall’ufficio che dice qualcosa tipo “Responsabile Produzione” o “Direttore Commerciale”. Ora però viene il bello: la Leadership te la devi sudare e questo è solo il primo step di una lunga serie.

Quali sono i problemi di moltissimi Leader Posizionali? Che si piantano lì. Si ritengono arrivati. Si auto-incensano. Cominciano a darsi delle arie. Si chiudono nei loro uffici. Tengono lontani i collaboratori. Prendono un caffè solo coi loro “pari-grado”. Si limitano a dare ordini e pretendono che vengano eseguiti. Vengono disprezzati dai collaboratori e abbandonati dai migliori.

Infatti, fintantoché restano inchiodati alla Posizione, questi Leader hanno collaboratori che vengono a lavorare perché “devono”. Tendono a guardare l’orologio e a desiderare di tornare a casa il prima possibile. Appena gli si offre un’altra opportunità, anche economicamente svantaggiosa, se ne vanno. E i Leader Posizionali daranno ovviamente tutta la colpa a loro, etichettandoli come “svogliati” o “incapaci”.

Nel prossimo articolo cercheremo di indagare il Secondo Livello della Leadership, ovvero il Consenso, un Livello che fa la differenza e permette la scalata di tutti e i 5 gli steps per arrivare alla Cima. Chi arriva al Secondo Livello dispone di Collaboratori che vengono a lavorare volentieri, perché “vogliono” ed è quindi naturale per loro condividere anima e corpo gli obiettivi fissati insieme al Leader.

Dr. Daniele Bondi